I consiglieri regionali di Liguria Popolare: “Necessario un sostegno economico a fondo perduto ad una categoria che ha perso quasi il 90 % del proprio fatturato”

Genova. Ubaldo Borchi, candidato alle prossime elezioni del consiglio regionale e i consiglieri di Liguria Popolare portano l’attenzione sulla necessità di un sostegno economico nei confronti dei tassisti e degli autisti di vetture NCC. “La filiera del trasporto pubblico non può prescindere, soprattutto in questo momento, dal servizio fondamentale dei tassisti – dichiara Borchi – la ripresa degli spostamenti con i vincoli del distanziamento fisico potrebbe trovare una sinergia con le municipalizzate del trasporto e soluzioni ad hoc da analizzare con il coinvolgimento della categoria”.

«La categoria dei tassisti e degli autisti di vetture NCC è tra quelle che ha sofferto di più i mesi di lockdown dovendo continuare ad assicurare un servizio pubblico alla cittadinanza ma pagando un prezzo elevato per il blocco totale dell’attività per la mancanza di clientela – affermano i consiglieri regionali del gruppo di Liguria Popolare Andrea Costa, Vittorio Mazza e Gabriele Pisani – i numeri sono impietosi basti pensare che a fine maggio le perdite di fatturato sono stimate intorno al 90%».

«Alcune regioni come Lazio, Piemonte e Campania hanno previsto indennizzi una tantum e contributi a fondo perduto per i titolari di licenze taxi, anche quelli che fanno parte di una cooperativa, e agli autisti di vetture NCC – proseguono i consiglieri popolari – essi rappresentano una fetta importante del trasporto pubblico e per evitare la perdita di questo servizio riteniamo sia necessario un atto di vicinanza a tutti i lavoratori del comparto da parte della nostra regione».

«Regione Liguria in questi mesi di emergenza si è adoperata fin da subito con grande concretezza e tempestività nel sostenere le realtà produttive e occupazionali del nostro territorio – conclude il presidente di Liguria Popolare Andrea Costa – di fronte ad un governo che ha dimenticato la categoria chiediamo al presidente Toti, compatibilmente con le risorse di bilancio, di farsi carico di un provvedimento specifico affinché la categoria sia sostenuta con indennizzi una tantum e a fondo perduto per questi mesi di stop forzato e un aiuto per gli investimenti in materia di sicurezza a bordo dei mezzi, che tutelino lavoratori e utenti. Tenuto conto delle nuove esigenze dei cittadini a causa del Covid, i tassisti devono essere coinvolti nei servizi di trasporto pubblico locale soprattutto nelle linee a bassa intensità».